Italia: “la culla dell’arte”

20 abr

Cos’è? È…

Parte del tetto della  Cappella Sistina, pittura di Michelangelo (immagine Internet)

Secondo Giovanna Stefancich, nel suo libro “Cose d’Italia: tra lingua e cultura“, Bonacci Editore, Roma, “l’Italia è la culla dell’arte – si dice qualche volta –  per i suoi celebri monumenti, chiese, fontane, giardini, fori, necropoli, palazzi e pinacoteche. Non solo città e cittadine ma anche borghi sperduti recano tracce di un passato importante che va dall’età antica (etrusca e poi romana e della Magna Grecia), attraverso il grande rinascimento e il barocco fino all’età moderna.”

Arco Etrusco – Perugia (III a.C.) Wikipedia

 “Così ricco e imponente è il patrimonio artistico italiano che non si contano opere di pregio sparse in tuta la penisola che  l’Unesco ha dichiarato di interesse culturale per il mondo intero e posto sotto il suo patrocinio. (…)”

Dice Stefancich, “Li chiamiamo, i nostri monumenti, con nomi affettuosi o solo fintamente spregiativi: il Cupolone, che poi a Roma è la Cupola di San Pietro e a Firenze invece quella di Santa Maria del Fiore,

Cupola di San Pietro – Panoramio – Internet

   

Il Fontanone del Gianicolo – Internet

Il Fontanone (a Roma, quello del Gianicolo), il Torrino, la Barcaccia, le colonacce, il Palazzaccio. Il Vittoriano, a Roma in Piazza Venezia, che non a tutti piace, lo additiamo come “la macchina da scrivere”, e infatti a una macchina da scrivere assomiglia abbastanza, con la scalinata al posto della tastiera.”

L’Altare della Patria, Il Vittoriano – Internet

 “Qualcuno di questi monumenti lo citiamo metaforicamente,  usiamo  cioè il suo nome per dire altro: “il pozzo di San Patrizio” si trova a Orvieto ed è profondissimo, quindi diciamo: “la tua borsa è un pozzo di San Patrizio” vogliamo dire che è “inesauribile, ci si può trovare dentro di tutto”. (…)

Il Pozzo di San Patrizio – Orvieto Turismo.it

 “Si dice che è “la bocca della verità” di persona assolutamente sincera; il riferimento è all’omonimo mascherone (sito a Roma) di cui si racconta che se qualcuno vi infilasse la mano nella bocca dicendo menzogne (bugie), la vedrebbe troncata di netto.”

Bocca della Verità –  Chiesa di Santa Maria in Cosmedin -Roma

Fotografia di Maria da Penha Freitas – 2011

 “Di qualche personaggio immortalato in quadri e sculture abbiamo davanti agli occhi l’immagine così chiara e presente che ne riconosciamo immediatamente le riproduzioni e non ci stupisce ritrovarli un po’ dappertutto, magari, scherzosamente deformati”.

 in pobreotario.blogspot. com

Abbiamo ancora molto da dire sull’arte e la cultura italiane. Però questo spazio funziona come piccole pillole o, se preferite come degustazione di  tantissimi cibi in un’immensa tavola di sapori. Penso che piano piano parleremo un po’ di quasi tutto più interessanti. Per finire oggi, ascoltate una bellissima canzone di Sergio Endrigo chiamata Il dolce paese. Vi consiglio il sito meraviglioso di Giuseppe Ulivi, L’Italia in Brasile.

   http://italiasempre.com/verpor/ildolcepaese2.htm

Arrivederci.

3 Respostas to “Italia: “la culla dell’arte””

  1. davidviagem abril 21, 2012 às 3:25 am #

    Bravissimo professoressa! Un buon finne de settimana per te! Ci vediamo il sabato prossimo! David

    • coseditalia abril 23, 2012 às 4:30 pm #

      Ti hanno piaciuto questi lavori che ho fatto nel blog?
      Bacio
      Prof.ssa Penha

  2. suely aparecida schraner abril 28, 2012 às 1:14 pm #

    Mi ha piacuto molto! Grazie mille Penha!

Deixe uma resposta

Preencha os seus dados abaixo ou clique em um ícone para log in:

Logotipo do WordPress.com

Você está comentando utilizando sua conta WordPress.com. Sair / Alterar )

Imagem do Twitter

Você está comentando utilizando sua conta Twitter. Sair / Alterar )

Foto do Facebook

Você está comentando utilizando sua conta Facebook. Sair / Alterar )

Foto do Google+

Você está comentando utilizando sua conta Google+. Sair / Alterar )

Conectando a %s

%d blogueiros gostam disto: